Evento: Sulle orme dei nostri antenati. Matrici familiari. Psicodramma transgenerazionale

Mario Mengheri - Psicologo Psicoterapeuta Psicoanalista Livorno - Psicodramma Transgenerazionale - Matrici Familiari

“Mentre camminiamo su questa Terra, i nostri piedi nudi sono consapevoli del tocco affettuoso dei nostri antenati”.
(Capo indiano Seattle)

“Se imparassimo a comprendere meglio ad ascoltare e vedere le ripetizioni e le coincidenze l’esistenza di ciascuno diventerebbe più chiara. Siamo in fondo meno liberi di quanto crediamo. Pertanto possiamo riconquistare la nostra libertà e svincolarci dalla ripetizione capendo ciò che accade. Possiamo così vivere la nostra vita e non quella dei nostri genitori o nonni o di qualche ‘fantasma’ del passato che ‘vuole’ attraverso noi continuare a vivere.
Che la nostra vita sia l’espressione del nostro autentico essere. È questo in fondo il lavoro psicologico.”
(A. A. Schutzenberger)

“L’obiettivo dello Psicodramma transgenerazionale è quello di sciogliere gli invisibili legami di lealtà e i “copioni” lasciati da generazioni precedenti, rendendoli espliciti e liberando l’energia psichica in essi incistata.”
(M. Maciel)

Nell’ottica transgenerazionale una persona soffre sempre in definitiva per un “fantasma che esce dalla cripta”: una malattia transgenealogica connessa ad un legame familiare invisibile, inconscio, le conseguenze del “non detto” che è diventato un segreto impronunciabile. Usando le parole di Abraham e Torok (1993), i discendenti di un portatore di una cripta sono importunati dalle lacune lasciate dai segreti degli altri: è questo non detto, sottolineato dal silenzio e dalle deviazioni di discorso quando esso appare, che si manifesta nelle parole e nelle azioni di chi è “posseduto” dal fantasma transgenerazionale.
Lo Psicodramma permette nel qui ed ora dell’azione, di presentificare tali fantasmi, in una ricerca che si dipana lungo la linea paterna o materna, coglierne i messaggi, individuarne le fenomenologie che si traducono in “ripetizioni”, in modi del “dover essere”, in ruoli incistati, aiutando il protagonista a riconoscerli quali espressione di un Idem, da cui l’avvio verso l’esplorazione ulteriore di anfratti interni ancora “non parlati”, “non scritti”, spazi transizionali, luoghi immaginali, ove potersi finalmente percepire Autos.

Come iscriversi

COSTO  CICLO LABORATORI:

Seminario singolo €: 50,00 (studenti € 25,00)

Il pagamento dell’iscrizione ai laboratori può essere effettuato tramite bonifico bancario Beneficiario: AIRP Livorno
Banca: Cassa di Risparmio Volterra/Livorno Scali D’Azeglio
IBAN: IT 70 W 06370 13900 0000 10007425
Precisare la causale: LABORATORI AIRP

Per completare l’iscrizione dare conferma dell’avvenuto versamento all’indirizzo e-mail:
mario.airp@gmail.com
indicando gli estremi del bonifico bancario unitamente ai propri dati personali: nome, cognome, email, tel. indirizzo e codice fiscale

Questo evento fa parte de: I laboratori dei Teatri dell’anima – seconda parte

Pubblicato in data: | Categoria Psicologia.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>