Sessuologo

Compila il form e prenota un incontro

Inserisci i tuoi dati, quelli con * sono obbligatori.

Dopo aver cliccato su "invia", premi di nuovo il pulsante verde per una conferma dell'invio del messaggio.

acconsento al trattamento dei miei dati nel rispetto della legge sulla privacy.

Si prega di lasciare vuoto questo campo.

Il sessuologo é uno psicologo che, dopo un corso specialistico quadriennale, interviene in ambito psicorganico riguardante le funzioni o disfunzioni sessuologiche.
Riguardo alla sessualità offre la sua formazione di psicoterapeuta e specialistica in sessuologia clinica negli ambiti individuali, interpersonali, di coppia e collettivi, sia per maschi che per femmine etero ed omosessuali.

A fronte delle attuali conoscenze acquisite nel corso degli ultimi decenni, la materia riguardo la sessualità risulta essere strettamente connessa alla sfera dei sentimenti e delle relazioni umane, comprendendo un corredo emozionale ed affettivo di fondamentale importanza sul piano individuale e sessuale come pure di rilevante interesse nel campo sociale.
Può essere che la sfera sessuale sia separata da quella emotiva.
Questo può divenire un bene (direi tecnico) o un male psichico… il sano rapporto sessuale inizia con i sentimenti, poi con gli affetti per planare alla sfera sessuale dove si completa il tutto: sempre più questo non accade; in questi nuclei diviene indispensabile lavorarci psicologicamente e come sessuologi perché non ci sia discordanza tra le situazioni e unilateralità patologica.

Spesso il disagio o disturbo sessuale è un segnale della non-accettazione completa della propria sessualità, della propria identità di genere e di come il sociale indica a tutt’oggi la sfera sessuale “sana” da quella “malata”. Ma è anche vero che la sfera sessuale è tra le prime ad essere colpita anche da una bassa autostima o non fiducia verso le proprie potenzialità (in senso lato) o verso il/la partner.

Il deficit sessuale può comparire a qualsiasi età, da 16 a 75 anni: se ci sei sente non corrisposti o, peggio ancora, traditi.

Bisogna imparare ad abitare il corpo che ci è dato. Abitare un corpo sbagliato genera malumore, disagio, patologia. Può accadere che un uomo desideri essere ed avere un corpo di donna e viceversa: ci si lavora e tutto si potrà godere e vivere diversamente e meglio.

Si presentano nel mio studio di Livorno per la cura sessuologica sia eterosessuali che omosessuali.
Considerando che l’omosessualità non è una scelta e risultando che, comunque, a tutt’oggi sia i gay sia le lesbiche sia i bisessuali sono una minoranza sociale, è chiaro che divengano, in questa società, facili prede delle nevrosi.

Spesso gli uomini che si presentano con disfunzioni erettive o eiaculazioni precoci scoprono, terapia facendo, che il vero motivo è una profonda inquietudine e non accettazione o del loro femminile o delle donne in generale. Già prenderne coscienza significa un ridimensionamento della disfunzione e un avvicinamento al sesso opposto: la consapevolezza è una conquista non facile.
É curioso anche che spesso sono le donne a portare il partner in terapia, poi resta lui in terapia e lei attende fiduciosa il cambiamento che di solito avviene.
Un’altra curiosità: una donna viene in terapia perché non riesce ad avere un bambino. Si mette in discussione si sottopone a tutte le visite e analisi invasive del caso e… dopo due, tre anni il compagno su forzatura della partner (e del sessuologo) scopre, con un semplice spermiogramma (ottenuto dall’analisi dello sperma dopo una banale masturbazione e prelievo di esso in un contenitore apposito); può risultare che i suoi spermatozoi siano immobili o infetti da banali batteri (es. escherichia coli): con l’antibiotico opportuno in una settimana si cura … e dopo un mese di attesa … la donna resta incinta.