Psicoanalisi Junghiana Livorno

Compila il form e prenota un incontro

Inserisci i tuoi dati, quelli con * sono obbligatori.

Dopo aver cliccato su "invia", premi di nuovo il pulsante verde per una conferma dell'invio del messaggio.

acconsento al trattamento dei miei dati nel rispetto della legge sulla privacy.

Si prega di lasciare vuoto questo campo.

Intraprendere un percorso di psicoterapia o di psicoanalisi significa aiutare la propria psiche a consolidarsi ed evolvere. Significa curare le parti di noi stessi che non accettiamo. Nel mio studio di Livorno tratto i vari disordini di tipo nevrotico (disturbi d’ansia, nevrosi ossessive, fobie, disturbi del carattere, inibizioni e disturbi sessuali, perversioni) con un approccio di tipo Junghiano e di tipo integrato (Cognitivismo, Gestaltismo, Comportamentismo, Corporeo).

In questo approccio uno dei concetti chiave é quello di libido, non intesa soltanto come energia sessuale ma come energetica psichica, quantum; Jung, infatti, parla di energetica psichica (vol. 8 delle Opere).
É l’energia grazie alla quale abbiamo pulsioni a vivere, ma anche rivolte allo star male: sabotatori interni, Dite, meccanismi sacrificali, processi di autocura, processi di autoguarigione, empowerment, visti come “pacchetti energetici” che si muovono nella psiche, tra gli oggetti psichici, tra i miti che ci posseggono, nel corpo, nella psiche e nel cosmo di cui l’uomo fa parte integrante, che lo abita e che da esso è abitato.

La psiche ha un proprio linguaggio che può esprimersi attraverso sogni, agiti, motti di spirito, immaginazione attiva, sintomi, ecc. Può essere recuperata attraverso un lavoro analitico, la Sand Play Therapy, il movimento autentico, l’immaginazione attiva, la scrittura creativa, il disegno, la pittura, la scultura, il canto, il teatro… utilizzando anche il corpo e la mente e curandone la presenza nell’ecosistema di cui facciamo parte.

Ogni persona ha nel proprio DNA delle potenzialità che possono schiudersi (o no) a realtà psichiche in ogni individuo appartenente alla specie. Aiutarsi, curarsi, significa arrivare a comprendere che ogni essere umano é una monade nel mondo e che di questo é parte integrata e integrante.
Lo star male psicologicamente (o organicamente) significa che la nostra psiche/corpo (nell’ecosistema universo) sta chiedendo aiuto al soggetto portatore di sofferenza (ansia, disagio o disturbo).
Questo linguaggio tende ad aiutare la persona al recupero del Senso della sua esistenza nella propria vita.
Dove manca il Senso c’è nevrosi.

Tutti noi nasciamo con una vita psichica ma é lo schiudersi alla vita psichica che ci consente di avvicinarsi al vero vivere.

 

Aree di intervento della psicoanalisi junghiana:

  • ricerca del benessere e della promozione della salute
  • ricerca di canali creativi, di creatività
  • trasformare la sofferenza in creatività
  • ricerca della spiritualità individuale e collettiva
  • processi di individuazione
  • disturbi dell’area psicologica e organica (psicosomatica)
  • stati borderline
  • narcisismo
  • schizofrenia e altri disturbi dell’umore (psicosi)
  • difficoltà a convivere con un nostro status: povertà, sesso, corpo, rifiuto degli altri, paura degli altri, paura dei nostri istinti, paura di vivere, paura di morire, paura di esistere
  • anoressia/bulimia
  • dipendenze (addiction)
  • attaccamenti e dipendenze (a/da cose e/o persone)